Si comincia a prendere colore….

Si continua nelle sperimentazioni con il colore. Photoshop è un potente alleato per gli autodidatti come me, in quanto ti permette l’errore, puoi essere più tranquillo, sai che si possono rimediare le incertezze e gli sbagli. E se non ti piace l’atmosfera o la luminosità puoi modificarle senza dover ricominciare da capo. Prima o poi intraprenderò anche la via della materia del colore. Intanto procediamo con un classico: Sword&Sorcery e guerriere nude!

 

Hyboria, guerriere e Tombow dual brush

Tavola a metà tra il divertimento personale e la sperimentazione. Prendere un soggetto che piace, fiere donne guerriere poppute e poco vestite (Badass!!!), aggiungere un’ambientazione che diverte, Conan il Barbaro e Hyboria in generale, aprire una scatola di Tombow brush in scala di grigio e divertirsi a sperimentare in quantità! Questo è il risultato, dove ho provato a fare le prime sperimentazioni con il colore, le ombre e i piani, il tutto in vista di un mio cimento nell’apprendimento della colorazione delle mie tavole.

Come referenze ho usato un concept art sulla scenografia di Conan il Barbaro più modelle varie ed eventuali. Una è una Wrestler, vediamo chi la indovina…..

De Rebus Gladiatoriis, English edition

Quando si ripropone un successo editoriale, è necessario rinnovarsi. Lo hanno fatto gli autori, il collaudatissimo duo Battaglia-Ventura, e necessariamente dovevo farlo anche io.

Per l’edizione in Inglese del De Rebus Gladiatoriis, ed. ArsDimicandi, ecco due nuove tavole che propongono un soggetto poco rappresentato nell’ambito dell’illustrazione storica, ossia i gladiatori del periodo repubblicano. D’altronde non si poteva non essere innovativi in un libro che rappresenta una totale novità nel campo degli studi gladiatorii. (http://www.arsdimicandi.net/ad_1_0002c0.htm)

Quando gli autori costringono l’illustratore a rinnovarsi……

Nuova tecnica di approccio alla tavola e nuova colorist, Daria Montanari.

Sempre per rimanere in tema…..

De Rebus Militum II, ovvero Delle Tavole Storiche

Copertina del libro scritto da Dario Battaglia e Luca Ventura, istituto ArsDimicandi,  sul periodo Repubblicano dell’esercito Romano.

Dopo la prima esperienza con gli autori Battaglia e Ventura, ecco rinnovarsi la collaborazione per un altro libro a tema storico. Nuove tavole, nuovo colorist e diversa tecnica di preparazione alla tavola da parte mia. Il risultato non mi è dispiaciuto affatto.

de-rebus-militum-ii

Matite di Claudio Casti, colori di Nicola Righi

Tavola all’interno del libro. I legionari Romani osservano gli scudi dei Sanniti e lo confrontano con il proprio, costituito di vimini intrecciati. La scelta fu semplice e quasi immediata……

26/5/2013

https://claudiocasti.wordpress.com/news/

Non si scalano montagne senza scarponi e rampini adatti, non si combattono battaglie senza le armi adatte, non si cucina un piatto senza gli ingredienti adatti.

E un disegnatore, nel silenzio della sua stanza, nella sua cercata solitudine, deve avere con sè gli strumenti, le armi e gli ingredienti giusti.

DSC01807

E alla fine siam partiti! Titubanti, insicuri, scettici a volte verso questo Web che mangia tutto, che ti modifica, che ti culla, che ti offre una marea di opportunità o di insidie, e contemporaneamente curiosi e affascinati.

Un po’ come i vichinghi nei loro veloci e bassi Drakkar o come gli emigranti che, con le loro valigie di cartone, attraversarono l’Oceano sconfinato per un’America che mangia tutto, eccoci imbarcati in questa avventura che per molti potrebbe essere poco più che una scampagnata ma, per chi preferisce la vecchia carta e matita, è ancora un mondo inesplorato, fantastico e insidioso allo stesso tempo.

Per questo devo ringraziare tutte le persone che mi stanno aiutando nella struttura di tutta l’Operazione Web, con i profili Fb, i negozi Etsy, ALM a Twitter e via dicendo, senza le quali non ci sarei mai saltato fuori, e non solo per una questione di tempo.

E adesso ritorno a alla mia cara scrivania, alle penne e a pezzi di carta vari ed eventuali e me ne vo’ a disegnare, scannerizzare, caricare foto, etc.

…. e semm partii (Davide Van De Sfroos)

And we’re off!

And in the end we’re off!! Hesitant, insecure, skeptical at times towards this Web that devours everything, which edits you, it cuddles you, which gives you plenty of opportunities or pitfalls, and at the same time we’re curious and fascinated.

A little like the Vikings in their fast and low Drakkars or as immigrants who, with their suitcases made of cardboard, crossed the boundless ocean for an America that devours everything, here we are embarked on this adventure that for many might be a little more than a jaunt, but for those who prefer good old pencil and paper, it is still an uncharted world, fantastic and treacherous at the same time.

For this I have to thank all the people that are helping me in the structure of the whole Web transaction, with the profiles Fb, the Etsy shops, ALM to Twitter and so on, without which there’s no way i would have missed out, and not only for a matter of time.

Now, back to my dear desk, pens, and various pieces of paper and off I go to drawing, scanning, uploading images, etc.