L’Evoluzione

Ogni gruppo di giochi di ruolo ha un suo membro che se la cava a disegnare e si diverte a creare veloci bozze dei personaggi di tutti o a raffigurare scene particolarmente epiche o divertenti.

Nel nostro gruppo di “old players” sono io.

Tre anni fa decisi di mettere in striscia una veloce e divertente giocata compiuta da due giocatori. Fu una cosa veloce, approntata senza nemmemo pensarci su e saltò fuori una cosa del genere

Cosa fatta in una mezza giornata, giusto per ridere.

Ma il tempo passa, tu continui a disegnare, ti evolvi (lo speri), cambi e quella striscia non ti piace più.

Come l’uomo che per arrivare a correre prima gattona, poi si mette in piedi seppur traballando e poi arriva a correre, era arrivato il momento di smettere di gattonare e provare ad alzarsi su due gambe. Per cui, una giornata di Agosto, decidi che è ora di raccontare una storia più articolata e di farci un fumetto e, senza averne le basi o le conoscenze, affronti TUTTI i passagi per fare un fumetto: sceneggiatura, storyboard, composizione e ricerca referenze, matite, salti l’inchiostrazione, passaggio in digitale, lettering e colorazione con photshop provando e riprovando.

Il risultato è questo:

In realtà avrei voluto cambiare le prime due tavole, mi fanno schifo ma poi mi sono detto che non me ne frega nulla. Non sono un professionista che deve fare vedere quanto è bravo e che vuole farsi pubblicità. In realtà volevo solo fare vedere che si può migliorare semplicemente applicandosi e non accontentandosi. Le tavole sono piene di errori, alcuni li ho già visti, per altri ho bisogno di un professionista per rendermene conto.

Intanto sono passato dal gattonare al camminare su due piedi anche se non speditamente.

Per correre c’è tempo.

Io non ho fretta.

Annunci

I commenti sono chiusi.